Mercato immobiliare in leggera ripresa, ma prezzi in calo

, , Leave a comment

Il mercato immobiliare nel 2014 vedrà una sensibile ripresa delle compravendite. I prezzi, seppur ancora in calo, supereranno i livelli del 2013, un anno dove le vendite si sono fermate a 407.000 unità (-6% rispetto al periodo precedente) seppure in crescita rispetto al 2012 che aveva fatto registrare un calo del 25% rispetto al 2011.

Il repricing, ovvero l’aggiustamento dei prezzi degli immobili, conseguenza probabile della bolla immobiliare del periodo 2000-2008, continuerà nel prossimo biennio. Questo è quanto rilevato dall’Osservatorio Nomisma delle grandi città.

Prezzi in calo per il biennio 2013-2014. La riduzione dei prezzi sulle abitazioni “usate” si sta attestando, per l’anno corrente, attorno al -5,3% e al -4,8% per le nuove unità. La correzione verso il basso dei valori immobiliari continuerà ad essere significativa per tutto il prossimo anno: i primi sintomi di ripresa arriveranno nel 2015 quando l’abbassamento sarà più contenuto (rispettivamente -3,1% e -1,4%).

Quanto tempo serve per vendere casa? Nel 2014 i tempi medi di vendita si ridurranno leggermente: ad oggi si attestano a 8,4 mesi per gli immobili residenziali e 11 mesi per il comparto commerciale. E’ in leggero calo anche la domanda di immobili di lusso come ville, castelli e chalet, ma i prezzi rimangono stabili.

Accedere a un mutuo sarà più facile. Il governo sta cercando infatti una via d’uscita al rallentamento delle transazioni immobiliari e al blocco degli affitti dovuto alla tassazione sui proprietari. La Cassa dei Depositi e Prestiti metterà a disposizione cinque miliardi di euro per riconferire liquidità agli istituti di credito e permettere alle famiglie di aprire un mutuo per comprare una casa. Se il piano verrà varato, si sopperirà al problema della liquidità e le banche potranno concedere finanziamenti rimasti a lungo inaccessibili non solo alle famiglie ma anche alle imprese di costruzione schiacciate dalla crisi.

E’ ora di comprare? Secondo Vincenzo De Tommaso, dell’ufficio studi di Idealista.it, il calo dei prezzi di vendita al metro quadro crea le condizioni verso un maggiore interesse per il mattone, soprattutto per chi ha intenzione di acquistare.

I deboli segnali di ripresa sono però contrastati dall’instabilità politica del Paese che si riflette sul mercato del lavoro e sul potere d’acquisto delle famiglie italiane, scoraggiando qualsiasi tipo d’investimento.

Mercato immobiliare in leggera ripresa, ma prezzi in calo scritto da

 

Leave a Reply

(*) Required, Your email will not be published